MILANO, OTTOBRE 2018: LA MIA VOCE IN FOTOGRAFIA

 
The search is what everyone would undertake if he were not stuck in the everydayness of his own life. To be aware of the possibility of the search is to be onto something. Not to be onto something is to be in despair. (Walker Percy)

Per il terzo anno, FOTO E SPIRITO propone un corso per piccoli gruppi che si incontrano ogni due settimane a casa mia e nel mio studio, con accesso alla mia vita, alla mia attrezzatura, ai miei libri di fotografia, e alle mie tisane di Hildegard von Bingen.   

Il tema scelto per l'autunno 2018 è "LA MIA VOCE IN FOTOGRAFIA".

Spesso l'insegnamento della fotografia può essere molto dogmatico (si fa solo questo e sempre così), con il risultato che tutti cercano di imitare una certa idea di fotografia che arriva da fuori, invece che da dentro. Questo è un per-corso che vuole trovare e rafforzare la visione unica e particolare di ogni partecipante. C'è solo un tipo di fotografia che ci interessa, quella che viene definita AUTORIALE

 
If you can see your path laid out in front of you step by step, you know it’s not your path. Your own path you make with every step you take. That’s why it’s your path. (Joseph Campbell)

Durata e Impegno:

Il corso inizia la prima settimana di ottobre e durerà fino a metà febbraio. Il corso dura 40 ore così distribuite:

  • due incontri al mese di 3 ore l'uno, per un totale di otto lezioni (24 ore)
  • due workshop che si terranno nelle giornate di sabato 17 novembre e 9 febbraio (16 ore)

Tra un incontro e l'altro vengono dati esercizi, letture, consigli e stimoli a fotografare o scrivere, che possono essere impegnativi.

Percorso Formativo:

  • Chi sono? Cosa conta per me? Cosa voglio dire? 
  • Cosa è lo stile in fotografia? Come sviluppo il mio stile / la mia voce?
  • Cosa vuol dire essere in ricerca?
  • Come sono diverso io dagli altri come persona e come fotografo?
  • Lavorare ad un Progetto
  • Linguaggio visuale
  • Capire il proprio lavoro, sviluppare una relazione con il proprio lavoro
  • Editing: selezionare e mettere in sequenza le proprie immagini
  • Altro: in risposta agli stimoli del gruppo

Altre info:

Verranno formati due gruppi distinti, uno per la mattina ( il martedì alle 10AM ) e uno serale ( il martedì alle 8PM ) e il corso si svolgerà a casa mia e nel mio studio, entrambi sono a Milano in zona Loreto

Numero massimo di partecipanti per ogni gruppo: sei persone. 

Prerequisiti: Per iscriversi al corso è necessario mandare il proprio portfolio e fare un colloquio personale. 

Prezzo: 530 euro pagabili in tre rate (settembre + dicembre + febbraio).

Bonus: I partecipanti al corso LA MIA VOCE ottengono

  • il 20% di sconto su altre attività Foto e Spirito a Milano (incluse lezioni individuali e workshops allo Studio Tupac)
  • una borsa di studio (al 100%) per un partecipante del corso LA MIA VOCE (votato democraticamente) per accedere al prossimo corso in partenza a febbraio 2019 (valore 530 euro)

 
Artists are visionaries. We routinely practice a form of faith, moving towards a creative goal often visibile to us, but invisible to those around us. (Julia Cameron)
 

Spesso è difficile spiegare agli altri cosa stiamo facendo, su cosa stiamo investendo le nostre risorse e mettendo tutta questa fatica e questo impegno. È difficile fargli capire che stiamo seguendo qualcosa di reale per noi, perché gli altri non lo vedono. Siamo SOLI a voler dare alla luce quella cosa che ancora non c'è. Gli altri saranno spesso indifferenti, o in tanti modi che sembrano concreti e onesti, ci diranno di "crescere" e spendere meno tempo in questi sogni, in queste visioni. Ci diranno di rimandare, ci diranno che non c'è tempo, che non ci sono soldi, o che non siamo abbastanza bravi.

Per nessun motivo smettete di realizzare le vostre visioni, per nessun motivo abbandonate questa capacità di creare. Anche quando nessuno la capisce, anche quando nessuno la vede. Purtroppo siete i soli a poter dar vita a quelle visioni, e siete i soli a sapere cosa vi serve, e siete soli nel costruire quella strada. Non potete delegare queste cose a nessuno. Dovete gestire voi stessi, il tempo, la vita, gli amici, le frustrazioni, i blocchi, e la superficialità e la fretta del mondo contemporaneo. Dovete gestire i vostri dubbi, e le vostre paure. Nessuno lo farà per voi.

Per questo c'è il Foto e Spirito: un posto di formazione, ma vorrei che sempre più diventasse officina di lavoro e luogo di riparo. Questo è un luogo fatto di persone che credono che queste loro visioni sono anche speranze per il futuro di tutti. Che credono che fare arte sia il loro modo di vivere. Che sono innamorati della fotografia e della vita. Che hanno deciso di non mollare. 

Nausicaa Giulia Bianchi


Libri consigliati:

Lezione di fotografia di Stephen Shore

La fotografia come arte contemporanea di Charlotte Cotton

Arte torna Arte di Luciano Fabro


Crediti Foto: gruppo 1 -> Elitta Rebeggiani + gruppo 2 -> Elisa Brandi + gruppo 3 -> Davide Galandini